Stampa

JEAN-PIERRE e LUC DARDENNE


: 978-88-6822-083-9
Prezzo: €4,99 (incluso 22 % I.V.A.)
JEAN-PIERRE e LUC DARDENNE

“Siamo tutti esseri unici. È questo il fatto sorprendente. Impossibile sfuggire all’unicità e questa impossibilità è l’impronta dell’esistenza […]. Anche ciò che il cinema coglie è l’unicità di un gesto, di un movimento del corpo, di una voce, un silenzio, un’andatura”. Queste parole di Luc Dardenne, tratte dal suo diario, indicano qual è il senso profondo di un cinema che, come nessun altro nella contemporaneità, ha saputo cogliere la singolarità del reale, facendo dell’imprevedibilità dell’incontro l’avvio di un processo di soggettivazione capace di trasformare il personaggio e il cinema stesso. La singolarità evenemenziale del reale non è qualcosa di immediato, ma è effetto di un processo, che vede il personaggio passare attraverso la lotta per il riconoscimento (lavoro, paternità), e il cinema attraverso un denso lavoro di composizione. Questo cogliere il reale attraverso il simbolico è ciò che il “nome proprio” Dardenne identifica, sfidando, in una forma di cui sentiamo tutta l’urgenza e la contemporaneità, ogni scorciatoia che lasci il cinema alla sua sterile dimensione illusoria e lo spettatore al suo compiacimento narcisistico. Di questa sfida il presente volume ci riconsegna molte e importanti tappe (Roberto De Gaetano).
 Il volume, costruito come un lessico tematico, contiene scritti di Alessandro Canadè (Apertura), Alessia Cervini (Lavoro), Roberto De Gaetano (Umano), Daniele Dottorini (Vicinanza), Andrea Inzerillo (Immanenza), Bruno Roberti (Paternità), Alessio Scarlato (Grazia), Luca Venzi (Etica).


Recensioni Clienti:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.
Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto
altre categorie


Collana di studi e ricerche in Geografia: spazi e relazioni