PDFStampaE-mail

FEDERALISMO, DEVOLUTION, SECESSIONE: RITORNO AL FUTURO…


360 PAGINE •
Brossura
Rif.: 978-88-8101-778-2
ISBN 9788881017782
Prezzo: €18,00
FEDERALISMO, DEVOLUTION, SECESSIONE: RITORNO AL FUTURO…

PROVENZANO Francesco Maria
Scienze Sociali
Data di pubblicazione : 2011
Prefazione a cura di Fabio Rizzi

L’Amico Giornalista Francesco Maria Provenzano è reduce dall’essersi cimentato nella complessa avventura di un libro sulla storia della Lega Nord, “Dall’Interno della Lega”, ripercorrendo le principali tappe del “Nostro” Movimento attraverso le testimonianze dirette dei protagonisti. Questa pubblicazione non è certo stata indolore per un Autore, Calabrese di nascita e Romano d’adozione, ventitreenne Sindaco Socialista della “sua” Casole Bruzio nel 1970, oggi additato come Leghista e come tale costretto all’ostracismo professionale da parte di alcuni Editori faziosi e certamente pretestuosi, con ripercussioni non certo indifferenti sulle opzioni lavorative...
Nelle interminabili pause dei “lavori” parlamentari, più volte abbiamo avuto occasione di confrontarci sui concetti di Federalismo, Devolution, Secessione, Indipendentismo, Separatismo ed altri ancora, intensificando tali riflessioni a seguito della costituzione, il 15 Marzo dello scorso anno nella “mia” Besozzo, della Fondazione “Amici del Centro Internazionale Insubrico Carlo Cattaneo e Giulio Preti”, successivamente al ritrovamento di oltre duecento manoscritti inediti di Carlo Cattaneo, donati dal proprietario, l’avvocato Bersellini, al Centro Internazionale Insubrico Carlo Cattaneo e Giulio Preti, afferente all’Università dell’Insubria.
Un giorno stimolai a tal punto Francesco, sostenendo che la stragrande maggioranza degli Italiani, ma anche dei Parlamentari, di fatto non ha una adeguata conoscenza di questi termini e del loro significato storico, sociale e culturale, che si sentì quasi obbligato ad accettare la proposta di scrivere questo libro, un vero e proprio glossario delle sovramenzionate terminologie, esaminate attraverso le esperienze pratiche che si sono succedute nel Nostro Paese e nel Mondo, libro che ho poi voluto licenziare alle stampe come opera edita dalla Fondazione che mi onoro di presiedere!
La classica goccia che credo abbia fatto traboccare il vaso, ritengo sia stata la profonda provocazione che lanciai all’Autore: “...ad esempio, Francesco, non hai mai riflettuto sul fatto che il primo Leghista della storia del dopoguerra sia stato Che Guevara? Un Uomo, un guerrigliero, identificato come simbolo dalla Sinistra di tutto il mondo, basandosi esclusivamente sulla concezione della Lotta di Classe e sulla rivendicazione dei diritti civili dei lavoratori, dei deboli e degli oppressi! Invece il Che ha dato la propria vita, fino all’ultimo sospiro per un unico ideale: la Libertà! La libertà per un Popolo, la libertà per un Territorio, ideali che non hanno, non possono e non devono avere un colore politico, sono diritti fondamentali dell’Uomo, riassumibili nell’Autodeterminazione dei Popoli! E questa è da sempre stata la proposta di Umberto Bossi e della Lega, di un Movimento Politico nè di Destra nè di Sinistra, legato ad un Territorio ed ai bisogni della Gente: le stesse finalità del Comandante Che Guevara... Lo vedi, Francesco, è l’ignoranza che genera confusione e permette a chiunque di rimestare nel torbido... Il nostro compito deve essere anche quello di fare chiarezza! Poi il pubblico sceglie liberamente, può essere d’accordo o discostarsi, ma prima di tutto deve avere in mano gli elementi per decidere: la conoscenza della storia e degli eventi, a partire dal corretto significato dei vocaboli, delle situazioni che determinano e delle condizioni che ne discendono!”
E così è nato questo libro, un vero e proprio glossario circostanziato dei concetti enunciati nel titolo, i più noti e famosi, ma anche di tanti altri...
Nel titolo è però già contenuta la conclusione che emerge dalla lettura di questa approfondita e puntuale ricerca: tutte le soluzioni e le situazioni sono rispettabili e figlie del proprio tempo e delle condizioni specifiche; oggi, in Italia, è il momento di concretizzare il Federalismo, l’unica forma di ordinamento dello Stato in grado di andare oltre il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia...
E verosimilmente, se i Milanesi avessero ascoltato e seguito Carlo Cattaneo, proseguendo sulla strada della Libertà e dell’Autodeterminazione, dopo la vittoria delle “Cinque Giornate” sugli Austriaci, anziché consegnarsi ai Savoia, non avremmo “perso” centocinquant’anni… Avremmo avuto una Milano ed una Lombardia libere ed indipendenti, vera gemma dell’Unità d’Italia ad ordinamento Federale… Non ci sarebbe stata l’annessione forzata allo Stato Sabaudo, reale inizio dell’Italia unita, un’unità territoriale ma non certo socioculturale!
Ma evidentemente i tempi non erano maturi… Il “Grande Lombardo”, come tutte le personalità geniali, difficilmente sono figlie del proprio tempo e vengono rivalutate solamente a posteriori; è solo oggi, infatti, che la Storia apre la propria finestra alla profonda modifica dell’ordinamento dello Stato in senso Federale: l’Italia, come si enuncia nel titolo di questo libro, sotto la ormai trentennale spinta di Umberto Bossi e della Lega, è finalmente pronta per il “Ritorno al Futuro”!
L’Italia, appunto. Un Paese che viaggia palesemente a tre velocità assolutamente diverse e nettamente incompatibili con l’attuale strutturazione della Nazione; solamente una profonda revisione normativa potrà permettere ai diversi Territori di potersi sviluppare secondo le proprie caratteristiche e, soprattutto, liberarsi dall’oppressione di quei poteri occulti che ancora oggi, anzi, forse oggi più che mai, hanno tutto l’interesse a mantenere una dicotomia di sviluppo e di opportunità!
La stessa Unità d’Italia, in occasione del suo centocinquantesimo compleanno, deve essere vista come una ricorrenza di una Nazione giovane, scaturita dall’unione forzata di Territori estremamente diversificati tra loro e che sono ancora lontani dalla completa implementazione; il Federalismo rappresenta questa possibilità: il centocinquantesimo anniversario come tappa intermedia verso il completamento dell’unificazione, che potrà essere tale esclusivamente quando i diversi Territori avranno raggiunto ed espletato liberamente la propria vocazione storico-culturale, ma anche socioeconomica!
Terminata questa fatica credo che Francesco Maria Provenzano avrà reso un grande servizio alla Società, avrà fornito uno strumento per conoscere, riflettere e decidere, non attraverso teorie faziose, bensì con la forza del raziocinio e di una profonda disamina storica, culturale e sociale; grazie, Francesco!



Francesco Maria PROVENZANO

 FRANCESCO MARIA PROVENZANO, nato a Casole Bruzio (Cosenza) vive a Cerveteri (Roma). Giornalista professionista. Svolge la sua attività presso il Senato della Repubblica. Ha lavorato con varie t (...)
Leggi tutto: (Francesco Maria PROVENZANO)


Recensioni Clienti:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.
altre categorie


Arte e spettacolo

Discipline Educative

Letterature

Scienze Umane

Scienze Sociali

Turismo

 

Login






Skype

Contattaci tramite skype cliccando sul bottone sottostante

oppure inviaci un'email a info@pellegrinieditore.it My state

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.

Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

EU Cookie Directive Plugin Information