PDFStampaE-mail

MAFIA E CULTURA MAFIOSA


192 PAGINE •
EPub/PDF
Rif.: 978-88-6822-218-5
ISBN 9788868222185
Prezzo: €5,99 (incluso 22 % I.V.A.)
MAFIA E CULTURA MAFIOSA

ROSATI Alberto
Data di pubblicazione : 2014
Collana : Mafie

 

Se fosse un fenomeno senza radici  nel sociale, la  mafia avrebbe i giorni contati: al pari delle Brigate rosse che, prive di  legami col tessuto della società, furono isolate e vinte.  I pesci hanno bisogno di acqua per nuotare, si disse allora a  proposito dell’appoggio  fornito da  poche centinaia di fiancheggiatori  ai  gruppi di fuoco brigatisti.  Ma un sistema di  potere come quello mafioso – capace  di  conformarsi al mutare dei regimi e delle istituzioni; di  entrare  in simbiosi con  lo sviluppo delle forze produttive; di imporre rapporti di produzione funzionali ai propri interessi; dotato  di  abilità  mimetiche tali da  indurre ancora oggi intellettuali e opinione pubblica a ignorarne la natura e a sottovalutarne la pericolosità o, appena ieri, a negarne l’esistenza – non si spiega se non collegandolo a radici culturali diffuse e profonde. Il mito della sua invincibilità, il suo imporsi all‘immaginario collettivo come idra dalle cento teste, piovra dai mille tentacoli, araba fenice sempre in grado di risorgere dalle ceneri per adattarsi in modo proteiforme alle mutazioni economiche e politiche, deriva dalla  incomprensione della natura egemonica della cultura mafiosa: che rilascia, a mo’ di precipitato, la mafia come sistema di potere. Se quindi – lo sostiene  Gramsci – è un complesso sistema di mediazioni e di rapporti a stabilire un‘egemonia, cioè una compiuta capacità direttiva; e per la mafia tale sistema si risolve, in Sicilia, nei legami organici con la politica, le istituzioni, la burocrazia, il mondo del lavoro – in sintesi: con la società civile – che si radicano in  una osmosi culturale con l’ambiente pressoché perfetta, la fine del contropotere mafioso è destinata a coincidere con la fine di questa osmosi: quando sarà ridotto a delinquenza comune estranea al corpo sociale, e perciò suscettibile di essere emarginato e sconfitto mediante l’uso degli ordinari mezzi repressivi.

Visita il sito: www.albertorosati.net



Alberto ROSATI

  Alberto Rosati nasce a Porto Empedocle (Ag). Si laurea cum laude in Giurisprudenza  all’Università Federico II e lavora un paio d’anni all’ufficio legale (p.a.s.) del Monte dei Pas (...)
Leggi tutto: (Alberto ROSATI)


Recensioni Clienti:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.

altre categorie


Collana di studi e ricerche in Geografia: spazi e relazioni

 

Login






Skype

Contattaci tramite skype cliccando sul bottone sottostante

oppure inviaci un'email a info@pellegrinieditore.it My state

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.

Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

EU Cookie Directive Plugin Information